I VIAGGI DELLA SPERANZA, OVVERO VIAGGIARE PER UNA GIUSTIZIA CHE NON C'E'.




C’è chi viaggia per lavoro, chi viaggia per motivi di salute e chi viaggia a Roma per affermare e valorizzare principi di equità e giustizia.



Sono i viaggi della speranza, di chi spera in un lavoro che migliori le sue condizioni di vita e quelle della sua famiglia, di chi spera in cure che non può avere nella sua regione di appartenenza,
Enzo Gigliotti con il figlio Francesco Luigi al MIUR a Roma (foto gennaio 2007)
di chi spera in leggi e regole uguali per tutti e che non si rassegna a questo stato di cose, dove clientelismo e malaffare regnano incontrastati anche nelle istituzioni addette al sapere.
Sono i viaggi della speranza; in fondo sperare non costa nulla …o quasi.

1 commento:

Andrea ha detto...

Vorrei anche invitare il conservatorio di Cosenza ad unirsi alla battaglia contro il governo!

Leggere le informazioni e news dei conservatori d'italia su

www.protestaconservatori.tk

E' importantissimo!!!!!!!!!
Protestare oggi per il futuro di tutti